COSA FARE NEI DINTORNI

Vivere percorsi di scoperta di un territorio, di una cultura, tra antropologia, economia e storia, attraverso esperienze sensoriali con cibo e bevande del luogo.
Siamo tutti viaggiatori quando intraprendiamo un cammino di scoperta e di esperienza.
E siamo tutti mangiatori.

Di seguito un consiglio di cosa vedere nei paraggi:

Riccia
Il comune di Riccia, dove sorge la nostra Sala Ricevimenti, fa parte dell’area del fortore molisano. Il fiume, da cui prende il nome la zona, scorre nelle provincie di Benevento, Campobasso e Foggia.
Le principali costruzioni del paese si devono ai de Capua con il titolo di principi. Nel Piano della Corte, affacciano il castello, la chiesa del Beato Stefano e l’antico Magazzeno. Inoltre, nel centro storico, è ubicata la chiesa di Santa Maria Assunta, la quale presta elementi che possono essere posti cronologicamente tra il romanico e il gotico, ovvero tra il XIII ed il XIV secolo.
A pochi chilometri dal paese, vi è il Bosco Mazzocca, un posto magico per trascorrere del tempo libero, per praticare del trekking, mtb o semplicemente attrezzare pic-nic.
Tra le manifestazioni di maggior richiamo per i turisti è la Festa dell’Uva.

Gambatesa
Questo borgo è affascinante nei sui vicoli, portici, corsaletti e ripide scalinate che portano alla chiesa madre a al castello, il quale è l’imminenza artistica dell’intero borgo medievale.

Pietracatella
Interessante è il complesso architettonico risalente al XII-XIII secolo, costituito dalla Cripta di Santa Margherita e dalla sovrastante chiesa di San Giacomo.
Quest’ultima venne costruita parte sulla roccia e parte sulla cripta di Santa Margherita e rappresenta un elemento integrante del possente castello poligonale, che sorgeva alle sue spalle e a cui era collegata da un passaggio riservato solo ai signori feudatari.

Campobasso
Il capoluogo di regione conta circa 49500 abitanti, probabilmente ha origine longobarda e sorge a 700 metri in una zona compresa tra i fiumi Biferno e Fortore.
Le cose interessanti da visitare sono il castello Monforte che dall’alto della collina domina la città e il Museo Sannitico.
Importante è la festa del Corpus Domini in cui si svolge la Sagra dei Misteri che consiste in una processione di tredici misteri.
Altri borghi interessanti nei dintorni: Ferrazzano, Oratino, Ripalimosani.
Casacalenda è una località nota per la presenza dell’Oasi Lipo, area naturalistica.

Matese
I monti del Matese e della Mainarde segnano parte dei confini della regione a sud e a ovest.
Il Matese è tra i più importanti gruppi montuosi dell’appennino centrale. Le Cime: Monte Miletto (2050 mt), Gallinola (1925 mt) e Monte Mutria (1825 mt)
Inoltre, il massiccio è ricco di grotte: Pozzo della neve (1045 mt), Cui di bove (906 mt) con marcate implicazioni di carattere geologico ed idrogeologico dove è possibile praticare speleologia o dedicarsi allo sport invernale,
L’OASI WWF di Guardiaregia fondata nel 1997 protegge 1056 ettari di territorio nel comune di Guardiaregia e Campochiaro. Risulta essere la seconda più grande l’Italia, ricca di boschi, torrenti, cascate, canyon e montagne .

Fonte: [MOLISE in Viaggio – Volturnia Edizioni]